Forum di Fotografia

Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore
Discussione: 

non capisco più nulla

 (Letto 4048 volte)
Offline Davide D'Acunto
« 20 Novembre 2016, 07:47:28 »
Fotografo/a
Nuovo ModelShooter
*
Messaggi: 3
Luogo: Arona
Regione: Piemonte
Registrato: 01 Aprile 2015

Buongiorno a tutti,
volevo condividere con voi due recenti esperienza.

1) Partecipo ad un ws glamour e il "master" di turno ribadisce alla fine che prima di qualsiasi pubblicazione occorre inviare a lui le foto da noi selezionate il quale poi le invierà alla modella per la sua approvazione finale.
A parte l'inutile trafila di fare due passaggi di foto all'andata e due al ritorno, seleziono la foto e la invio direttamente alla modella alla quale avevo nel frattempo chiesto l'amicizia su FB.
Ricevo il suo benestare e la pubblico su FB, taggandola. Mi scrive dicendomi che ha tolto il tag perché "FB è troppo pubblico" e non vuole che un domani, quando diventerà dentista, i suoi pazienti possano trovare foto di lei.
Premetto che la foto non contiene nudità ed è a mio parere molto glamour ed elegante (ultima aggiunta nella mia gallery).
A quel punto le ho chiesto la lista dei social non troppo pubblici su cui poter pubblicare la foto wink

2) Chiedo ad una persona che conosco da tempo e che ho sempre incrociato come MUA se vuole farmi da modella. Lei accetta questa proposta e condividiamo dapprima un progetto di massima (ritratto e boudoir) e successivamente un progetto più dettagliato dove le spiego che per il ritratto avremmo utilizzato casa mia mentre per il boudoir un albergo o simili. Entusiasta mi risponde che non vede l'ora e dopo un giorno mi scrive che coem prima volta preferisce che il servizio di ritratto lo facciamo in uno studio e non a casa mia e per il boudoir invece nell'ambito di un ws organizzato da un master con cui lei collabora.

Ma capitano tute a me?
 

Davide D'Acunto
Registrato
Offline Utente
« 21 Novembre 2016, 12:38:57 »
Fotografo/a
ModelShooter storico
*****
Messaggi: 1.364
Luogo: Taranto
Regione: Puglia
Registrato: 06 Giugno 2010

"Siamo" tutti malati, paranoie ossessive come se piovesse. Anche questa è evoluzione... Non tutto evolve bene.  sorriso
 
Registrato
Offline Clypeus
« 21 Novembre 2016, 21:18:06 »
Clyp che ...
Fotografo/a
ModelShooter storico
*****
Messaggi: 4.567
Regione: Lazio
Registrato: 15 Febbraio 2009

:-P

No, non capitano tutte a te, sono esperienze comuni. Direi che è la norma. Se vieni a vedere la mia gallery vedrai come l'ho risolta io, la faccenda... smile
 

Da oggi, 26 gennaio 2011, non voterò più positivamente per il palco e non commenterò più in alcun modo fotografie sprovviste del titolo.
Registrato
Offline natureph
« 22 Novembre 2016, 00:53:08 »
Fotografo/a
ModelShooter storico
*****
Messaggi: 542
Regione: Veneto
Registrato: 09 Novembre 2010

I ws, a differenza dei modelsharing, sono finalizzati ad imparare a fotografare, non ad avere materiale da pubblicare sui social, anche perché ricerca della modella, del tema, dei mood, del trucco, dl set e del setup delle luci sono stati eseguiti dal master. Pubblicare quelle foto, magari con il proprio watermark, è quantomeno poco elegante.
Purtroppo, si fa.
Le informazioni sulle liberatorie sono sempre indicate nella proposta del ws. Il tag su Fb rimane sempre una inutile e inopportuna invasione nella vita privata della modella che, solitamente, non partecipa ai ws per fare nuove amicizie.
 
Registrato
Offline Gattonero
« 23 Novembre 2016, 15:50:48 »
Fotografo/a
Nuovo ModelShooter
*
Messaggi: 23
Luogo: Verona
Regione: Veneto
Registrato: 06 Dicembre 2015

mah.. come già detto sinceramente di veri WS ne vedo pochissimi.. la maggior parte mi sa di MS travestiti in quanto non capisco come mai tutti (o quasi eh) trattino glamour o nudo , non immaginavo che per imparare luci, gestione delle pose e della modella ecc beh quest'ultima dovesse essere senza mutande.. vabbè...
per la questione pubblicazione appunto SE è un vero WS è come essere a sQuola, si avrà gran poco da pubblicare, poi applicando le tecniche apprese si ottiene materiale personale con cui fare quello che si desidera (bla bla bla sempre nei limiti liberatoria ecc..).

Tag? beh basta chiedere visto che quasi tutte le MODELLE (per favore evitiamo di parlare delle improvvisate da ieri che NON andrebbero chiamate in un WS) hanno profili di lavoro (o pagine) su quasi tutti i social e di cui di fare amicizia frega una cippa (però è sempre pubblicità quindi raramente se lo scatto è decente si rifiutano)
 
Registrato
Offline luiscuni
« 06 Febbraio 2018, 18:33:24 »
Fotografo/a
Nuovo ModelShooter
*
Messaggi: 12
Regione: Piemonte
Registrato: 05 Febbraio 2018

Davide hai accennato un discorso molto interessante, su cui vorrei esprimere anche il mio pensiero, andando anche contro a quello espresso da altri utenti.

Se partecipi ad un evento e paghi, le foto sono tue e ne fai l'uso che vuoi e soprattutto quello consentito, ovvero tutte le limitazioni e condizioni bisogna conoscerle prima e riportare tutto nella liberatoria.
Io personalmente non parteciperei mai a un MS o un WS dove il master mi chiede la sua autorizzazione o quella della modella per utilizzare le foto, per diversi motivi: da sempre (e ho cominciato a scattare una ventina di anni fa) se paghi è tuo diritto utilizzare le foto, e nel caso di un principiante saranno di livello molto basso (come logico che sia). In caso di vincoli di pubblicazione ci dovrebbe essere un "vincolo" sul prezzo, ovvero non si può pretendere di avere la botte piena e moglie e marito ubriachi.

I primi WS (veri) a cui ho partecipato la modella non si preoccupava minimamente della qualità degli scatti, lei aveva i suoi profili professionali e non usava social. Son passati 20 anni e sono cambiate molte cose però penso che si sia perso di professionalità. Sono disposto a retribuire una modella per fare esperienza (o meglio ero), ovvio non sarei disposto a retribuire una modella che ha un portfolio scarno e di bassa qualità.
Quindi quando sento una modella che vuole essere retribuita al top, vuole selezionare gli scatti e dire la sua.. ci sto alla larga. Anchè perchè basterebbero poche righe nella descrizione per specificare il tutto evitando tante discussioni durante e dopo lo shooting.
 
Registrato
Offline vog
« 06 Febbraio 2018, 21:23:39 »
Fotografo/a
Nuovo ModelShooter
*
Messaggi: 31
Luogo: genova
Regione: Liguria
Registrato: 04 Dicembre 2017

(...)
Ricevo il suo benestare e la pubblico su FB, taggandola. (...)

pubblicare una fotografia su FB significa cederne i diritti come è chiaramente scritto al punto 1 art 2 delle condizioni di utlizzo  che ogni iscritto più o meno consapevolmente asccetta  e che per completezza riporto : " Per quanto riguarda i contenuti protetti dal diritto di proprietà intellettuale, ad esempio foto e video ("Contenuti PI"), l'utente ci concede le seguenti autorizzazioni, soggette alle impostazioni sulla privacy e alle impostazioni dell'app: l'utente ci fornisce una licenza non esclusiva, trasferibile, che può essere concessa come sottolicenza, libera da royalty e valida in tutto il mondo, che consente l'utilizzo dei Contenuti PI pubblicati su Facebook o in connessione con Facebook ("Licenza PI").  

davvero una bella pensata pubblicare una fotografia su un social network come FB ... davvero
 

V.O.G. acronimo di  Vision of Grace
Ultima modifica: 06 Febbraio 2018, 21:54:52 da vog. Registrato
Offline G.B. Carlo Sambuelli
« 07 Febbraio 2018, 23:20:18 »
Fotografo/a
ModelShooter storico
*****
Messaggi: 1.868
Luogo: AL
Regione: Piemonte
Registrato: 18 Dicembre 2006

I ws, a differenza dei modelsharing, sono finalizzati ad imparare a fotografare, non ad avere materiale da pubblicare

Ho citato la parte del post di Natureph che esprime esattamente il significato primo di un Workshop serio.
Le foto eseguite durante un ws dai partecipanti, possono avere una valenza durante la "lettura" successiva da parte del master, assieme ai vari partecipanti, ma non possono certo  essere spacciate come proprie nel portfolio personale dei partecipanti, dato che set, pose, make-up, luci e quant'altro, sono opera del master.
Legittimo quindi che, nel caso venga concessa l'autorizzazione alla pubblicazione di qualche scatto, ne sia richiesta quantomeno l'approvazione preventiva.
Chi ha partecipato ad un ws ha però tutti i diritti di mettere a frutto ciò che ha imparato, pubblicando a proprio nome ciò che avrà realizzato, in seguito, in un proprio set.

 

Sito ufficiale
Glamour Avenue
Registrato
Offline G.B. Carlo Sambuelli
« 07 Febbraio 2018, 23:36:46 »
Fotografo/a
ModelShooter storico
*****
Messaggi: 1.868
Luogo: AL
Regione: Piemonte
Registrato: 18 Dicembre 2006

pubblicare una fotografia su FB significa cederne i diritti come è chiaramente scritto al punto 1 art 2 delle condizioni di utlizzo xxxxxxxxx omissis xxxxxxxx
davvero una bella pensata pubblicare una fotografia su un social network come FB ... davvero

Facebook ci chiede di concedergli la licenza e le sottolicenze non esclusive  alla pubblicazione, per il semplice fatto che quegli stessi contenuti vengono utilizzati per creare le varie "raccolte" di ricordi che, puntualmente, ci propone e che vengono condivisi da più utenti, e più utenti ne sono coinvolti, anche in più Paesi differenti.
Se non ci facesse firmare questa autorizzazione, non potrebbe più proporre questi simpatici eventi.
D'altra parte, se Facebook volesse utilizzare una mia foto per una sua campagna pubblicitaria internazionale, sarei solo felice. sorriso
 

Sito ufficiale
Glamour Avenue
Registrato
Offline vog
« 08 Febbraio 2018, 09:41:50 »
Fotografo/a
Nuovo ModelShooter
*
Messaggi: 31
Luogo: genova
Regione: Liguria
Registrato: 04 Dicembre 2017

pubblicare una fotografia su FB significa cederne i diritti come è chiaramente scritto al punto 1 art 2 delle condizioni di utlizzo xxxxxxxxx omissis xxxxxxxx
davvero una bella pensata pubblicare una fotografia su un social network come FB ... davvero

Facebook ci chiede di concedergli la licenza e le sottolicenze non esclusive  alla pubblicazione, per il semplice fatto che quegli stessi contenuti vengono utilizzati per creare le varie "raccolte" di ricordi che, puntualmente, ci propone e che vengono condivisi da più utenti, e più utenti ne sono coinvolti, anche in più Paesi differenti.
Se non ci facesse firmare questa autorizzazione, non potrebbe più proporre questi simpatici eventi.
D'altra parte, se Facebook volesse utilizzare una mia foto per una sua campagna pubblicitaria internazionale, sarei solo felice. sorriso

 non è proprio così:  la licenza è concessa in forma non esclusiva ed è trasferibile come sotto licenza.  da FB e non dall'autore o dal detentore del copyright a Terzi che non sono noti all'autore.  Pertanto  la fotografia può essere utilizzata con finalità differenti da quelle previste da FB  se poter escludere a priori anche un utilizzo commerciale del quale non viene corrisposto alcun compenso e neppure , in quanto non espressamente richiesto, l'indicazione del nome del fotografo che potrebbe essere, per alcuni, già un " compenso" accettabile.
 
Non so se tu  svolgi la professione di fotografo   oppure se la fotografia è per te  un hobby ... la cosa è  differente.

Se FB utilizzasse una mia fotografia senza consenso io non sarei assolutamente contento, anzi.
 

V.O.G. acronimo di  Vision of Grace
Ultima modifica: 08 Febbraio 2018, 09:57:44 da vog. Registrato
Offline G.B. Carlo Sambuelli
« 09 Febbraio 2018, 00:41:51 »
Fotografo/a
ModelShooter storico
*****
Messaggi: 1.868
Luogo: AL
Regione: Piemonte
Registrato: 18 Dicembre 2006

non è proprio così:  la licenza è concessa in forma non esclusiva ed è trasferibile come sotto licenza.  da FB e non dall'autore o dal detentore del copyright a Terzi che non sono noti all'autore.  Pertanto  la fotografia può essere utilizzata con finalità differenti da quelle previste da FB  se poter escludere a priori anche un utilizzo commerciale del quale non viene corrisposto alcun compenso e neppure , in quanto non espressamente richiesto, l'indicazione del nome del fotografo che potrebbe essere, per alcuni, già un " compenso" accettabile.
 
Non so se tu  svolgi la professione di fotografo   oppure se la fotografia è per te  un hobby ... la cosa è  differente.

Se FB utilizzasse una mia fotografia senza consenso io non sarei assolutamente contento, anzi.

I terzi di cui parli sono, appunto, quelli a cui i "ricordi" vengono inviati da FB con le varie condivisioni che portano anche a soggetti non noti all'autore originario, per via delle tante opzioni di privacy che si vengono a creare tra "visibile a" oppure "visibile solo a" ecc., che i vari utenti coinvolti nel ricordo stabiliscono.
Se cerchi, qui o in altri siti di fotografia, potrai renderti conto che proprio la tutela del Diritto di Autore è sempre stata una mia battaglia, per cui sono il primo a cercare in ogni modo di proteggere le mie opere, sia negli anni in cui ho svolto attività professionale che nel recente periodo in cui, per fortuna, della fotografia ne faccio solo un hobby.
Ho fatto rimuovere mie foto indebitamente utilizzate da parecchi siti e tre sono stati addirittura chiusi d'ufficio per alcune settimane (la ARSNY non scherza).
Da FB non mi aspetto certo comportamenti in violazione di Legge ma, in ogni caso, ribadisco che, se ciò si verificasse, sarebbe un bene, dato che io per primo (in qualità di autore) potrei riutilizzare l'eventuale intera pubblicità (aziendale o promozionale, anche di terzi), composta utilizzando una mia foto. Insomma, sarebbe un credit di grande valore, ottenuto a costo zero. sorriso
Ho scritto - se ciò si verificasse-, perché, che io sappia, non è mai capitato a nessuno... sorriso
 

Sito ufficiale
Glamour Avenue
Ultima modifica: 09 Febbraio 2018, 00:47:47 da G.B. Carlo Sambuelli. Registrato
Offline vog
« 09 Febbraio 2018, 12:29:46 »
Fotografo/a
Nuovo ModelShooter
*
Messaggi: 31
Luogo: genova
Regione: Liguria
Registrato: 04 Dicembre 2017

condivido in parte il tuo ultimo intervento precisando però che i famosi terzi possono essere chiunque:  sia chi condivide i " ricordi" come li chiami tu in modo assolutamente innocente ma anche chi potrebbe  far un uso distorto della fotografia  della persona fotografata e/ o dell'autore . La cronaca recente  ha trattato  casi del genere talvolta risolti anche in modo drammatico.

 Il problema di venire a conoscenza che una propria fotografia è stata utilizzata senza essere autorizzata  è venirlo a sapere ... è molto difficile
 

V.O.G. acronimo di  Vision of Grace
Registrato
Offline G.B. Carlo Sambuelli
« 09 Febbraio 2018, 18:06:02 »
Fotografo/a
ModelShooter storico
*****
Messaggi: 1.868
Luogo: AL
Regione: Piemonte
Registrato: 18 Dicembre 2006

Il problema di venire a conoscenza che una propria fotografia è stata utilizzata senza essere autorizzata  è venirlo a sapere ... è molto difficile

Ecco, il nodo del problema è proprio questo... dead
Ogni tanto, si può utilizzare la funzione "ricerca immagini" di Google, ma in ogni caso il sistema non rintraccerebbe le foto presenti in siti a pagamento.
In caso di uso pubblico, è più facile rintracciare abusi e la facilità aumenta proporzionalmente alla diffusione, ma siamo sempre lì...
Da parte mia, l'uso del marchio di copyright direttamente sull'immagine mi permette almeno di dimostrare il dolo di chi ha "rubato" la foto, nel caso (quasi sempre comune), che il marchio venga rimosso dall'immagine.
Una cosa importante, rimane l'iscrizione alla SIAE (sezione OLAF) e, in caso di abusi seri, segnalare direttamente. Per mia esperienza passata, intervengono sempre ed in modo efficace, dato che incassano da chi ha commesso l'abuso le loro spese legali e si trattengono una percentuale su quanto recuperato e comunque ottengono l'immediata rimozione delle immagini. Non dimentichiamo che il loro atto è immediatamente esecutivo e non segue altro iter giurisdizionale.
 

Sito ufficiale
Glamour Avenue
Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a: